post
17/04/2014
Napoli, un concorso di idee per il viadotto dell’Arenella
Caro Jacopo Fo,
21/03/2014
La nostra primavera, contro tutte le mafie
Il 21 marzo è la Giornata della Memoria e dell'Impegno per ri...
20/03/2014
Far fare ai sindaci per #cambiareverso
Far fare ai sindaci per #cambiareverso. Questa mattina, insiem...

Canale Youtube - ultimo video
del 30/01/2012

Voglio ringraziare tutte le cittadini e tutti i cittadini che sabato 28 gennaio sono venuti a Napoli. Tutte le associazioni e tutti i movimenti. Tutti gli amministratori locali.

"Il Forum dei comuni per i beni comuni è stato un appuntamento di alto valore democratico e politico-sociale.

Sindaci, amministratori, associazioni, movimenti, cittadine e cittadini di tutta Italia hanno discusso per tutta la giornata di beni comuni (dall'acqua ad internet, dall'informazione al sapere, dal territorio al paesaggio) e della partecipazione della società civile al governo, sia nazionale che locale.

Quasi duemila persone si sono ritrovate a Napoli per prendere parte ad una discussione che si è articolata in quattro tavoli tematici (Economia del territorio e degli enti locali;

Beni comuni, partecipazione e servizi pubblici; Politiche del welfare, diritti, politiche dei migranti e del lavoro; Ambiente e nuovi modelli urbani) da cui sono scaturite proposte concrete che confluiranno in un documento - a cui stiamo già lavorando e che nei prossimi giorni pubblicheremo sul sito del Comune e su questo mio blog per renderlo accessibile a tutte e tutti- da presentare al governo e al presidente della Repubblica.

Un documento che sintetizza e condensa non solo lo spirito politico della giornata di sabato, ma che offre concretamente una diversa via d'uscita alla crisi, espressione dunque di un altro modello sociale/economico. L'evento è stato così partecipato da costringere noi organizzatori a trasferire il tavolo dedicato al tema dell'ambiente all'interno della sede del Comune: il "palazzo" aperto alle cittadine e ai cittadini è stata un'immagine suggestiva, rappresentazione plastica di come sia possibile rendere protagonista la società civile della difficile arte del governare, lasciando che le sue istanze e le sue necessità determinino veramente la nostra azione politica.

I beni comuni rappresentano il terreno più proficuo perchè si esprima una democrazia partecipativa, con cittadine e cittadini in prima linea nella loro difesa perchè fondamento dei loro stessi diritti, oltre ad essere - sempre i beni comuni- il primo terreno di intervento per gli amministratori locali.

I beni comuni come perno intorno a cui ruota la certezza dei diritti, la partecipazione democratica e la buona amministrazione. La nostra città è stata protagonista di questa giornata e, infondo, ha avuto la funzione di traino anche per le altre realtà, essendo quella che maggiormente si è applicata sul tema.

A questa giornata ne dovranno seguire altre, perchè questa rete dei comuni per i beni comuni non arretri e invece sia il mezzo per realizzare una società più giusta e libera, come quella che ci è stata indicata il 28 gennaio in occasione del Forum di Napoli e, a giugno, in occasione del referendum.

Adesso il nostro primo obiettivo, ovviamente, è quello di ricevere una risposta da parte del governo nazionale rispetto alle proposte avanzate dal Forum,   sfruttando proprio questa "connessione politica" di cui sabato abbiamo dato grande testimonianza e che rappresenta una forza e un capitale politico che non va disperso assolutamente. Grazie ancora!
 

wsHcpORE iXEUgHvN  29/11/12, 16:49
nrdvbiwz
180 discount paul smith  06/04/12, 17:58
discount paul smithpaul smith storepaulsmith onlinepaul smith salepaulsmith shop
Fashion Paul Smith Handbags
Paul Smith Handbags
Paul Smith Handbags sale
Paul Smith Handbags online
Paul Smith Handbags outlet
180 discount paul smith  06/04/12, 17:58
discount paul smithpaul smith storepaulsmith onlinepaul smith salepaulsmith shop
Fashion Paul Smith Handbags
Paul Smith Handbags
Paul Smith Handbags sale
Paul Smith Handbags online
Paul Smith Handbags outlet
180 Christian Louboutin Sale  03/04/12, 00:29
Christian Louboutin Sale | Christian Louboutin Outlets | Discount Christian Louboutin | Christian Louboutin Shoes | christian louboutin sandal
Cheap Louboutin Boots
Discount Louboutin Boots
Cheap Christian Louboutin Boots
Discount Christian Louboutin Boots
christian louboutin shoes
maria rosaria  18/02/12, 22:15
Nella perfetta società Svedese dove tutti pagano le tasse,lo Stato pensa a tutto dalla nascita alla tomba e la famiglia ha solo un ruolo procreativo, nel migliore dei casi . Nella società latina basata sul diritto naturale, lo Stato è la promanzione della famiglia . La famiglia va difesa e non sfasciata !


Luciana Rota  03/02/12, 07:48
Ciao Sindaco Luigi, la giornata di sabato 28 è stata così emozionante che è difficile anche trovar le parole per descriverla. Soprattutto nel pomeriggio, nel teatro pieno, si sentiva forte partecipazione. Noi napoletani che abbiamo partecipato alla campagna elettorale siamo entrati in sintonia con te,i cittadini venuti dalle altre città italiane si sono mostrati stupiti dal "fenomeno de Magistris". Ci siamo trovati a spiegare come sei riuscito a fare una campagna elettorale con pochissimi soldi, prendendci per mano ci hai detto non dovrete più vergognarvi di essere napoletani, ti abbiamo creduto perchè tu hai il cuore negli occhi, non sai asolutamente fingere. Ti assicuro che, in sala, hai trasmesso molta emozione. Forse quell'applauso di una parte del pubblico che si alzato in piedi per l'operaio della Fiom era dedicato anche un pò a te.
Grazie Sindaco, ma stai attento perchè, nel pubblico, erano presenti anche parecchi personaggi della vecchia giunta e comunque della passata gestione, non mi sono sembrati tanto contenti, qualcuno se ne anche andato. I boicottaggi continueranno, ma questo tu lo sai già, stai in guardia.
Luciana
UNIONE INQUILINI NAPOLI  02/02/12, 22:11
UN CLAN DELLA CAMORRA DI SECONDIGLIANO, AGGUERRITO, SPIETATO E IN RAPIDA ASCESA.

Faida: decapitato il gruppo della Vanella Grassi, ago della bilancia nello scontro
Tre arresti: preso a Roma il boss Salvatore Petriccione. Nel cuore di Secondigliano, era a capo dei ''girati'', gli ultimi a lasciare i Di Lauro. Che ora potrebbero spostare gli equilibri tra le fazioni

Scissione della scissione
NAPOLI - Un anno fa, per entrare in una vecchia palazzina abbandonata trasformata in una centrale dello spaccio, i carabinieri si calarono con delle funi dai palazzi attorno. La piazza di spaccio in via Vanella Grassi, al centro di Secondigliano, era fortificata con grate e cancelli, protetta con campanelli d'allarme azionabili a distanza, organizzata con un nascondiglio segreto per dosi e armi. Nel cuore del quartiere, c'era una delle più importanti piazze di spaccio della zona. I militari arrestarono sei persone intente a smerciare stupefacenti. Alle fine dello scorso ottobre, nella zona che gli abitanti chiamano aret' 'a Venella, ci fu un altro arresto: a finire in manette fu un 16enne, anche lui sorpreso a spacciare dietro un portone corazzato. A inizio dicembre, tra via Dante e via Vanella, in una retata antidroga dell'Arma furono smantellate cancellate abusive e barriere di filo spinato poste a protezione di altre piazze.

I "GIRATI" - La zona della Vanella Grassi non ha la notorietà "nera" dei supermarket di Scampia, ma inquirenti e cronache raccontano il suo esser stata e continuare ad essere uno snodo importantissimo per gli equilibri tra i clan della galassia dilauriana e scissionista. Un tempo territorio dei Di Lauro, fu l'epicentro della cosiddetta seconda scissione, quella del 2007. I clan Magnetti e Petriccione, rimasti fino ad allora con la cosca di via Cupa Dell'Arco, passarono con gli spagnoli degli Amato-Pagano. Per questo li chiamano "i girati": sono gli scissionisti della seconda ora, quelli che hanno abbandonato il clan già sconfitto nella prima, cruenta guerra di camorra. Secondo gli investigatori, il gruppo criminale della Vanella Grassi potrebbe avere ora un ruolo cruciale nella scissione della scissione, la nuova faida che, dopo aver covato per mesi, è esplosa nei primi giorni dell'anno facendo cinque morti in dieci giorni.

ARRESTATO IL BOSS PETRICCIONE E ALTRI DUE UOMINI - I carabinieri del nucleo investigativo partenopeo hanno inflitto un durissimo colpo a quel sodalizio, arrestando a Roma, in via Tuscolana, Salvatore Petriccione, 41 anni, detto Totore 'o marenaro, ritenuto il capo del gruppo della Vanella. Petriccione, che era in libertà vigilata, è stato preso in via Tuscolana, a Roma. Proprio in via Vanella Grassi i militari hanno invece fermato Salvatore Frate, di 36 anni, detto 'o paparacianni, (arrestato in passato con l’accusa di essere l’esecutore materiale dell’omicidio di Lucio De Lucia, padre del più noto Ugo, ucciso per accreditarsi agli occhi degli scissionisti dopo aver rotto con i Di Lauro, e successivamente scarcerato per insufficienza di prove), e Gaetano Cursale, di 38 anni, considerato un fedelissimo del gruppo. In una conversazione intercettata durante un periodo passato da Cursale in carcere, si propone come capro espiatorio per alleggerire la posizione di due ras, dichiarandosi disposto ad "accusarsi tutta la droga" trovata dalle forze dell’ordine. Sono risultati invece irreperibili, Fabio Magnetti, 23 anni, e Rosario Guarino, 28, detto Jo Banana, e Mario Pacciarelli, 29. Il decreto di fermo è stato emesso dalla Dda per i reati di associazione di tipo mafioso e di associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di stupefacenti, per la gestione di una piazza di spaccio nella zona della Vanella. Nel corso delle indagini, grazie anche a dichiarazioni di dieci collaboratori di giustizia, gli investigatori hanno delineato l'organigramma del gruppo, composto da oltre 20 affiliati.

AGO DELLA BILANCIA - Su Cronache di Napoli di qualche giorno fa, Luigi Sabino riporta il racconto di un investigatore: "Abbiamo motivo di ritenere che i Di Lauro abbiano stretto accordi con il sodalizio che opera nella zona denominata Vanella Grassi". Un gruppo considerato in espansione, che avrebbe rosicchiato nuove zone d'influenza verso la zona del Perrone e del rione Berlingieri. Nello sgretolamento del cartello scissionista, con alcune famiglie di Scampia (Abete, Abbinate, Marino, Notturno) decise a tagliare i ponti con quello che resta degli Amato-Pagano guidati dal giovane Mariano Riccio, gli uomini agli ordini del superlatitante Marco Di Lauro potrebbero trarre solo vantaggi. Il superclan che li ha sconfitti, di fatto, non esiste più. E il sodalizio di via Vanella Grassi, militarmente forte e ben organizzato, secondo gli investigatori potrebbe spostare gli equilibri a favore di una delle fazioni che, dall'inizio dell'anno, si stanno fronteggiando nell'area Nord. Ora spetterà a pm dell'ancrticamorra e investigatori capire se questa organizzazione abbia avuto un ruolo negli agguati mortali che hanno insanguinato Melito.
giovedì 26 gennaio 2012



massimo reali  02/02/12, 08:53
grazie per il grande impegno civile sociale ed amministrativo - ma non tutti sono di napoli Lei deve scendere in campo nazionale e cambiare le gerarchie ed i sistemi attuali per un italia migliore - ci saranno molti sostenitori
Claudia  01/02/12, 23:13
I miei complimenti Sindaco De Magistris, è nata e cresce in me, grazie alle Sue iniziative (e non solo), una speranza per "un futuro"!! Ho grande stima di Lei e del Suo operato...credo si percepisca il mio entusiasmo...Mi auguro di poter partecipare al più presto ad una nuova iniziativa. GRAZIE
DOMENICO LOPRESTO  01/02/12, 16:54
BRAVO SINDACO AVANTI COSI, PASSO DOPO PASSO IN NOME DELLA LEGALITA' E BUONA AMMINISTRAZIONE DELLA COSA PUBLBICA.
OBBLIGO DI FIRMA DIGITALE PER TUTTI I SOCI DELLE COOPERATIVE ANCHE PER GLI AMICI DEGLI AMICI CHE STAMATTINA DOPO 26 ANNI E PER LA PRIMA VOLTA NELLA LORO VITA SONO ANDATI IN UNA SEDE DEL COMUNE A DIGITARE LA PRESENZA SUL LUOGO DEL LAVORO. UNA RIVOLUZIONE COPERNICANA. DI SEGUITO IL REGOLAMENTO APPROVATO DAL COMMISSARIO PREFETTIZIO. ADESSO CARO SINDACO UN ALTRO PICCOLO PASSO: LA NOMINA DEL CAPO E VICE CAPO DEL PERSONALE TRAMITE PUBBLICO CONCORSO. SAREBBE UN'ALTRA BOTTA AGLI AMICI DEGLI AMICI E UN'ULTERIORE PASSO IN AVANTI SUL TERRENO DELLA LEGALITA', TRASPARENZA E UTILITA' DEL LAVORO. SEMPRE CONTRO LA CAMORRA SENZA SE E NESSUN MA.



Cooperativa "25 GIUGNO"
Via Aquila 144
80100- Napoli
REGOLAMENTO IN MATERIA DI PRESENZA
Premesso
- che la Cooperativa è in gestione commissariale ai sensi della Legge 452/87;
- che lavora in regime di convenzione con il Comune di Napoli per l'attuazione di
progetti di lavoro annuale;
- che i vari progetti tengono conto dell'orario di lavoro contrattuale di ore 36
settimanali da suddividersi in 5 giorni per 7 ore e 12 minuti;
- che ogni progetto fissa l'orario di lavoro oltre la pausa pranzo;
- che la presenza giornaliera deve avvenire mediante la rilevazione automatica per
mezzo del badge oltre che con la firma da apporre sui fogli di presenza.
Tutto ciò premesso, il Commissario Governativo sentite le oo.ss. redige il presente
regolamento per la disciplina della rilevazione della presenza sui luoghi di lavoro.
1- La presenza in servizio e l'orario di lavoro dei soci dipendenti a prescindere dal
ruolo rivestito, viene rilevato obbligatoriamente attraverso il sistema automatizzato
che prevede l'uso del badge.
In ogni caso permane l'obbligo parallelamente di apporre le firme sui fogli di
presenza.
2- In ogni- ipotesi di violazione reiterata del predetto adempimento, è obbligo del
Commissario Governativo attivare una formale contestazione di addebito nei
confronti del socio interessato, nel rispetto e con le procedure previste in materia di
procedimenti disciplinari dalla vigente normativa contrattuale.
3- Ogni socio è in possesso di un tesserino magnetico (badge) strettamente personale
e non cedibile ad altre persone. Il titolare è responsabile della sua custodia e dovrà
denunciarne l'eventuale smarrimento all'Autorità di P.S .. Copia della denuncia
dovrà essere allegata alla richiesta di un nuovo badge, da trasmettere al Commissario
Governativo al fine di consentire il rilascio di un duplicato stesso.
4- Il socio dipendente ogni volta che entra od esce dalla propria sede di lavoro deve
far rilevare l'evento per il tramite del badge attraverso i rilevatori automatici.
5- Qualora per comprovati motivi di servizio, l'orario inizi o termini presso una
struttura diversa da quella di appartenenza, la presenza in entrata ed in uscita è
rilevata tramite gli appositi lettori di badge di tale sede.
6- Qualora la mancata timbratura è determinata da cause non imputabili alla volontà
del socio dipendente (orario notturno, mancanza di lettori sui luoghi di lavoro), la
stessa sarà inserita d'ufficio dall'operatore del C.U.S. su autorizzazione del
Commissario Governativo e da una dichiarazione scritta del socio comprovante le
motivazioni e l'avvenuta effettuazione della prestazione da consegnarsi allo stesso
Commissario Governativo o ad un suo incaricato.


7- L'orario di lavoro in via ordinaria è fissato nel progetto di appartenenza.
Nell'ambito e nel rispetto dell'orario di lavoro è consentita una flessibilità di 30
minuti. I dirigenti delle strutture presso le quali i soci sono assegnati, potranno, per
esigenze di servizio, concordare con gli stessi orari flessibili diversi da quello
stabilito al comma precedente.

Il Commissario Governativo

motivazioni e l'avvenuta effettuazione della prestazione da consegnarsi allo stesso
Commissario Governativo o ad un suo incaricato.


7- L'orario di lavoro in via ordinaria è fissato nel progetto di appartenenza.
Nell'ambito e nel rispetto dell'orario di lavoro è consentita una flessibilità di 30
minuti. I dirigenti delle strutture presso le quali i soci sono assegnati, potranno, per
esigenze di servizio, concordare con gli stessi orari flessibili diversi da quello
stabilito al comma precedente.

Il Commissario Governativo
Iserisci il tuo commento
nome
cognome
email
il tuo commento
Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
I dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto dell'inserimento di un post sono limitati all'indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere via e-mail la notifica di pubblicazione di un post. Tale segnalazione sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione, rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione dell'indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
L'inserimento del nome e cognome è facoltativo per la pubblicazione del post, se presenti saranno pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito.
Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003 .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Luigi de Magistris, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Claudio de Magistris.